Minaccia: configurabilità del reato indipendentemente dalla intimidazione (effettiva) del soggetto passivo.

Cassazione Penale, Sez. V, Sentenza n. 19203/2014.

 

Il principio di diritto enunciato può essere così sintetizzato:

Il reato di minaccia, rientrante nel novero dei reati formali di pericolo, si consuma indipendentemente dall’effettiva intimidazione del soggetto passivo, rilevando in tal senso come unico parametro per la configurabilità del reato, l’idoneità del male minacciato ad incidere (anche solo in via potenziale) nella sfera psichica della persona offesa.

La gravità del male minacciato, dovrà essere attentamente valutata dal giudice di merito – valutazione che se adeguatamente motivata sarà incensurabile in sede di legittimità – tenendo conto del fatto nella sua interezza e della gravità della condotta tenuta dall’agente, accertando che il tenore delle eventuali espressioni verbali, unitamente al contesto fattuale nell’ambito del quale sono state proferite, abbiano potuto effettivamente ingenerare un timore o un turbamento nella persona offesa.

Va infine precisato che la circostanza secondo cui la persona offesa non abbia mutato – in seguito al male minacciato – le proprie abitudini di vita, è irrilevante ai fini della consumazione del reato, in quanto, qualora ciò si fosse verificato, l’agente sarebbe chiamato a rispondere di un titolo di reato differente da quello di minaccia, seppure aggravata.

 

Articolo pubblicato sulla rivista giuridica “Giurisprudenza Penale” in data 01.08.2014 (www.giurisprudenzapenale.com)
Minaccia: configurabilità del reato indipendentemente dalla intimidazione (effettiva) del soggetto passivo.
Torna su